Mostre

Tra Augusta e Venezia. La scuola pittorica della Val Passiria

Organizzatore: Castel Tirolo - Museo storico-culturale della Provincia di Bolzano
Aggiungi al preferiti
Condividere

Tra Augusta e Venezia. La scuola pittorica della Val Passiria

Nel
corso di tre generazioni, tra il 1719 e il 1845 circa, una bottega di
pittori attiva a San Martino in Passiria ha fornito dipinti alle chiese
dell’omonima valle e dei dintorni. L’insediamento del pittore meranese
Nikolaus Auer, fondatore di tale bottega, in un villaggio lontano dai
centri artistici urbani è dovuto all’iniziativa di Michael Winnebacher,
sacerdote amante dell’arte, attivo anche come poeta. Presso la bottega
di Auer svolsero il loro apprendistato non solo i tre figli del maestro,
ma anche diversi altri pittori barocchi, alcuni dei quali di importanza
sovraregionale. Gli allievi più talentuosi, Johann Evangelist Holzer di
Burgusio in Alta Val Venosta e Joseph Haller di San Martino,
proseguirono la loro formazione nell’allora metropoli artistica di
Augusta, proprio come a suo tempo aveva fatto il loro primo maestro.
Mentre Holzer rimase ad Augusta affermandosi come uno degli artisti più
celebrati della Germania meridionale, Haller, dopo il suo ritorno nella
sua valle natale, realizzò numerosi dipinti ad olio di rara luminosità e
raffinatezza cromatica. Il figlio di Nikolaus Auer, Johann Benedikt,
invece, ricevette la sua formazione a Venezia e lavorò come incisore a
Bolzano e a San Martino.


A circa 300 anni dalla sua fondazione, per la prima volta una grande
mostra è dedicata alla cosiddetta scuola pittorica passiriana. Le circa
80 opere esposte – per lo più dipinti e stampe, ma anche sculture e
libri scritti da Michael Winnebacher – provengono sia da chiese e musei
altoatesini, sia da collezioni austriache e germaniche.


validato dalla redazione



Caratteristiche dell’evento


Meteo

Evento suggerito anche in caso di maltempo