Mostre

Landmarks

Organizzatore: Südtiroler Burgeninstitut
Aggiungi al preferiti
Condividere

Tracce lungo il cammino della visione interiore. Chine e tempere su carta pregiata e Lokta.

Marco Cestari (Bolzano, 1961) comincia a praticare l'arte della pittura Chan producendo ideogrammi. Studia alla Pacific Hawaii University e a Nara in Giappone perfezionando poi la sua estetica a Vienna e a Venezia. Egli descrive così il suo lavoro: "in quanto occidentale, mi sento di dover disegnare simboli occidentali e combinarli con tecniche orientali per produrre un'espressione pura, personale."
Cestari uomo e artista esprime l'essenza del nuovo millennio: la fusione di culture e simboli.

La cultura é Shodo, l'arte giapponese della scrittura; lo stile é Chan, una tecnica di pittura espressiva nella quale Cestari usa la ruvida carta di lokta artigianale nepalese. Dietro ogni ideogramma vi sono anni di sottile preparazione e il suo lavoro sulla poesia e natura di Rainer Maria Rilke hanno rivestito un ruolo fondamentale per la ricerca del suo linguaggio artistico.

Dal segno ritorna all'archetipo risalendo
dalla lettera al pittogramma e
dal simbolo al gesto primario.


validato dalla redazione



Informazioni sulla mostra

Implementazione

Artista: Marco Cestari

Vernissage

Benvenuto - Giorno di apertura: Carl Philipp Baron Hohenbühel, Präsident des Südtiroler Burgeninstituts
Introduzione - Giorno di apertura: Judith von Lutterotti